Auto elettriche, in Inghilterra si rischia il black out

Auto elettriche, in Inghilterra si rischia il black out
Pubblicazione: 24 gennaio 2020
La rete elettrica del Regno Unito ha bisogno di investimenti urgenti per prepararsi al futuro della mobilità elettrica o rischia blackout, secondo un rapporto del governo. La Electric Vehicles Energy Task Force, istituita dal governo, sollecita un approccio di "ricarica intelligente", coordinando lo sfruttamento di tempi di bassa richiesta, insieme a una rete elettrica in grado di adattarsi ai cambiamenti nell'uso dell'elettricità. Il rapporto pubblicato dalla Task Force sottolinea che deve essere posta maggiore enfasi sullo stoccaggio di energia per supportare la rete come parte dell'investimento.

A rinforzo, il rapporto ha citato il diffuso blackout che ha colpito la rete nel mese di agosto, dimostrando la necessità di concentrarsi sulla fornitura di energia per affrontare nuove sfide. "L'elettricità prodotta dai generatori, o fornita dai servizi di stoccaggio, deve bilanciare secondo per secondo, la domanda", afferma il rapporto "Se il bilanciamento viene meno, il sistema può collassare".

La popolarità dei veicoli elettrici e ibridi sta crescendo sebbene continuino a costituire solo una frazione delle vendite totali nel Regno Unito. Tuttavia, i dati del settore suggeriscono che è l'area principale di crescita poichè le vendite di veicoli a motore convenzionale stanno calando, in particolare quelli che utilizzano motori diesel.

Il rapporto della Society for motor manufacturers and traders (Smmt) all'inizio di questo mese mostrava 229.000 modelli elettrici e ibridi venduti nel 2019. L'industria globale è stata costretta a sposare la sua attenzione sulla tecnologia elettrica, poichè i governi di tutto il mondo chiedono trasporti a emissioni zero per migliorare la qualità dell'aria e combattere i cambiamenti climatici.