Riqualificazione energetica Presidio Ospedaliero Paolo Dettori - Tempio Pausania - A.S.S.L. Olbia

COPERTINA

INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA

La centrale termica della struttura sanitaria di tempio Pausania è stata riqualificata in tutti i suoi componenti principali.      

La stessa nel tempo ha visto il funzionamento e la produzione di energia termica prodotta da quattro generatori di vapore con bruciatore a gasolio. Per alimentare l’impianto ad acqua calda erano in uso 4 scambiatori a fascio tubiero vapore/acqua calda, e due bollitori dotati di singolo serpentino, destinati ai circuiti di acqua calda sanitaria.

Poiché tutto il vapore prodotto alimentava gli scambiatori per la produzione di acqua calda per riscaldamento e ACS e non vi erano altri impieghi diretti di vapore, è stato possibile sostituire integralmente il sistema di generazione con un nuovo ad alto rendimento e miglior gestione.


Immagine che ritrae il precedente impianto

Gli interventi in progetto ed oggetto delle opere poi realizzate hanno previsto:

Installazione di nr.2 generatori di calore a condensazione da 1.300 kW cad e di nr. 1 generatore di calore a condensazione da 500 kW;

Principali caratteristiche tecniche principali delle caldaie a condensazione installate:

Tipologia: Caldaia a condensazione e a bassissima temperatura secondo ex dir. 92/42, Classe di rendimento, 4 stelle, fasciame in acciaio al carbonio ad altissima resistenza secondo Euronorm 25, 28. Pressurizzata ad inversione di fiamma con focolare cieco, ad alto contenuto d’acqua;

Bruciatore: Low NOx Bistadio progressivo/modulante a camma elettronica;

  • Rendimento: 4 stelle certificato (98,2% a 70°C, 102% a 50/30°C)
  • Potenzialità termica: 1.300 kW (85/65°C)
  • Perdita di carico lato fumi: 7,5 mbar;
  • Perdita di carico lato fluido: 55 mbar;
  • Capacità totale: 1.904 lt;
  • Peso Indicativo: 3.765 kg;
  • Dimensioni indicative: 1.100 x 2.977 x 2.165 (H) mm;
  • Prodotto Marcato CE

La caldaie a condensazione hanno la seguente configurazione costruttiva:

CAMERA DI COMBUSTIONE in acciaio inox AISI 316 L completamente raffreddata ad acqua sovrastante i fasci tubieri, tale, che il complesso vada a formare una struttura atta a favorire lo scambio termico e lo smaltimento delle condense

PERCORSO DELL’ACQUA guidato e frenato all’interno del corpo

TUBI SPECIALI “PROGRESSIVI” BREVETTATI in acciaio inox AISI 316 L completamente rullati e con inserti speciali multilamellari in acciaio inox AISI 304 e turbolatori inox AISI 304

- Costruzione dei tubi composta da un tubo esterno di diametro 57 mm contenente una sezione trafilata multiradiale in inox AISI 304 che assicura elevatissimo scambio resistendo alle condense.

- Turbolatori all’interno dei tubi in acciaio inox AISI 304

- Fascio tubiero leggermente inclinato verso la camera fumi per:

- Funzionale deflusso della condensa

- Assenza di depositi acidi bagnati

- Pulizia per gravità delle superfici di scambio

PORTA IN ACCIAIO con isolamento in speciale cemento superleggero riciclabile, (riduzione del 30% delle dispersioni per irraggiamento)

Mandata impianto posta posteriormente, e doppio ritorno per alta e bassa temperatura posteriormente in basso (attacchi idraulici di collegamento posteriori per mod 69-100, superiori per mod. 250÷1550)

Ritorno alta temperatura posto in modo da non interferire sul ritorno di bassa (contrapposto a zona focolare)

Ritorno di bassa posto su particolare estensione del fasciame inferiore per il massimo recupero del calore

PORTA REGISTRABILE con doppia apertura (a destra e a sinistra)

PANNELLO DI COMANDO E CONTROLLO di tipo elettronico con termoregolazione E8 che permette il pilotaggio dei bruciatori modulanti

Facilità d’installazione del bruciatore mediante piastra da forare

Doppia guaina portabulbi ½” ø int 15 mm per sonde e termostati (3 per ciascuna).

CAMERA FUMI POSTERIORE INOX AISI 304 con attacco di drenaggio condensa.

DOPPIO ISOLAMENTO del complesso termico

1- Materassino isolante del fasciame (anteriore)

2- Materassino isolante (posteriore)

3- Materassino isolante (superiore)

COIBENTAZIONE in lana di roccia antistrappo (spessore 100 mm) Costruzione secondo EN 303, 1a parte

PULIZIA E MANUTENZIONE facilitate dall’auto drenaggio nei tubi fumo e dalla leggera inclinazione verso lo scarico fumi sul piano orizzontale del corpo nonché da tutte le parti.


Il circuito primario delle nuove caldaie è stato separato fisicamente dal circuito secondario che alimenta i circuiti di distribuzione della struttura sanitaria tramite un nuovo scambiatore a piastre dedicato per ogni nuovo generatore posto in centrale termica, in modo da preservare maggiormente i nuovi generatori dalle impurità.

Totalmente riqualificata la produzione di acqua calda sanitaria, mediante l’installazione di sistema di produzione semi istantanea di ACS con scambiatore da 330 kW e produzione oraria pari a 8.990 lt/h e 1 accumulo da 2.000 lt, installato al posto del bollitore esistente.

A titolo informativo, il fabbisogno prodotto nella prima ora pari a 6.870 litri (inferiore alla capacità di produzione del nuovo sistema pari a 8.990 + 3.000 litri di accumulo), ed anche compatibile con la potenza del bollitore esistenti a vapore per i quali, dai dati di targa, si valuta una produzione Il sistema proposto è composto da uno skid pre assemblato, appositamente studiato e dimensionato per la tipologia d’applicazione ospedaliera.

IL MODULO È

1) Scambiatore di calore

2) Valvola di regolazione a 3 vie modulante oppure on-off (deviatrice).

3) Pompa di circolazione del circuito primario tra scambiatore e accumulo.

4) Valvola di sicurezza, sfiato e ritegno.

5) Quadro elettrico di comando.

6) Termostato di crisi caldaia.

7) Telaio verniciato a piastre inox o titanio per acqua salata 4


Per completezza di opere, si è provveduto a ridimensionare anche l’impianto di adduzione e distribuzione del combustibile.