I dubbi di toyota sull’auto elettrica.

Pubblicazione: 4 gennaio 2021
È quanto ha sostenuto il presidente di toyota, Akio Toyoda, nel corso del summit di fine anno della Japan Automobile Manufacturers Association. “Quando i politici dicono ‘li beriamoci di tutte le auto che usano la benzina’, capiscono
cosa significa?” si è chiesto il numero uno della casa giapponese snocciolando le sue perplessità riguardo la mobilità a batteria, descritta come una tecnologia ancora immatura e non in grado di risolvere tutti i problemi che i suoi promotori vantano.
un primo appunto riguarda l’impatto ambientale: “più veicoli elettrici produciamo, più salgono le emissioni di anidride carbonica”, ha detto Toyoda sottolineando l’importanza di considerare le caratteristiche del
sistema di produzione elettrica di un Paese per giudicare il loro reale impatto in termini di sostenibilità della soluzione a batteria.
il secondo dubbio sollevato dal presidente del gruppo giapponese è stato invece di ordine economico e sociale: al Giappone servirebbero investimenti per 300
miliardi di euro per dotare il Paese di una efficiente rete infrastrutturale di ricarica, secondo Toyoda. A rischio, per il presidente di toyota economico c’è la tenuta del sistema
sociale legato al settore automotive – “l’attuale modello di business dell’industria automobilistica crollerà” – con la perdita di milioni di posti di lavoro.