"Pandemie? Conseguenze dei nostri sbagli"

Pandemie Conseguenze dei nostri sbagli
Pubblicazione: 24 maggio 2021
L'attivista ambientale svedese Greta Thunberg sabato è tornata a chiedere un cambiamento nella produzione alimentare e nelle abitudini di consumo di fronte alle crisi e alle minacce che il mondo sta affrontando. "La crisi climatica, la crisi ecologica e la crisi sanitaria sono tutte collegate", ha detto in un video postato sui social network in occasione della Giornata Internazionale della Biodiversità.

Greta Thunberg ritorna in particolare sulla trasmissione dagli animali all'uomo di malattie come "Covid 19, Zika, Ebola", dovute in particolare, spiega, alle pratiche agricole. "Il modo in cui alleviamo gli animali e trattiamo la natura - tagliando le foreste e distruggendo gli habitat - crea le condizioni perfette perché le malattie si diffondano da un animale all'altro, e a noi", denuncia.

All'inizio di quest'anno, l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha ritenuto "probabile" che un animale abbia agito come intermediario per la trasmissione della Sars-Cov-2, confermando che molti animali sono un serbatoio per i virus che infettano gli umani. Le "malattie zoonotiche", come vengono chiamate le malattie o le infezioni che si trasmettono dagli animali all'uomo, non sono nuove. Secondo l'Organizzazione mondiale per la salute animale, il 60% delle malattie infettive umane sono zoonotiche. Questa percentuale sale addirittura al 75% per le malattie infettive emergenti (Ebola, HIV, influenza aviaria, ecc.), secondo uno studio britannico pubblicato nel 2001.

Eppure "l'emergere di malattie zoonotiche è spesso associato a cambiamenti ambientali" che sono "di solito il risultato di attività umane, dal cambiamento di uso del suolo al cambiamento climatico", è scritto in un rapporto del 2016 del Programma delle Nazioni Unite per l'Ambiente (UNEP).

"Se continuiamo a produrre cibo come facciamo, distruggeremo anche gli habitat della maggior parte delle piante e degli animali selvatici, portando innumerevoli specie all'estinzione", si lamenta ancora Greta Thunberg. "Sono il nostro sistema di supporto vitale, se li perdiamo, saremo persi anche noi".

Per quanto riguarda la questione puramente climatica, che ha motivato la lotta di Greta Thunberg fin dall'inizio, lei ricorda: "dobbiamo ridurre radicalmente le nostre emissioni ora". "Quando pensiamo ai cattivi della crisi climatica, naturalmente pensiamo alle compagnie di combustibili fossili, ma l'agricoltura e l'uso della terra insieme rappresentano circa un quarto delle nostre emissioni, il che è un'enormità.

"Se adottassimo una dieta a base vegetale, potremmo risparmiare fino a otto miliardi di tonnellate di CO2 ogni anno", dice, sottolineando, tra l'altro, la sofferenza degli animali.