Idrogeno, la strategia dell’Austria: no all’utilizzo nei veicoli e nel riscaldamento degli edifici

h_57652192-800x450-1
Pubblicazione: 3 giugno 2022
Le strategie sull’idrogeno tendono a definire l’approccio di un governo al gas a combustione pulita. Quella del governo austriaco si distingue per il suo approccio conservativo e la chiara definizione delle priorità d’uso delle limitate quantità di idrogeno disponibili, in particolare nel rifiuto dell’uso della fonte di energia nei sistemi di riscaldamento e nei veicoli.

“L’idrogeno verde è lo champagne della transizione energetica. È prezioso e versatile, ma non infinito”, ha affermato la ministra austriaca per il clima, Leonore Gewessler, durante la presentazione della strategia il 2 giugno.

“Ecco perché ne faremo il miglior uso possibile. La nostra strategia per l’idrogeno ora mostra come possiamo farlo”, ha aggiunto.

A tal fine, il governo austriaco ha classificato i possibili usi dell’idrogeno da inefficienti a prioritari. L’uso dell’idrogeno come materia prima chimica nella produzione dell’acciaio, ad esempio, è considerato un uso prioritario.

D’altra parte, le auto a idrogeno, i camion pesanti di medie dimensioni e il riscaldamento a bassa temperatura nelle case e nei processi industriali sono considerati “inefficienti” dal governo austriaco.

“Nel caso delle auto, quelle elettriche hanno la priorità. Possiamo riscaldare appartamenti e case in modo molto più efficiente in altri modi. Ecco perché non useremo idrogeno verde in queste aree”, ha spiegato Gewessler.

Anche nel 2030, l’idrogeno che sarà disponibile in Austria sarà ancora piuttosto limitato. Il governo punta a una capacità di elettrolisi di 1 Gigawatt entro quella data: un contributo di circa l’1% all’obiettivo dell’UE di produrre 10 megatonnellate di idrogeno all’anno all’interno del blocco, secondo i calcoli degli esperti del settore.

L’Austria produrrà quindi circa 4 Terawattora (TWh) di idrogeno, consumando circa 6,5 ​​TWh di elettricità all’anno. A partire dal 2030, la produzione di idrogeno del paese ammonterà a circa il 10% del suo consumo di elettricità nel 2021, che è stato di 64,6 TWh.

Ciò metterà ulteriormente a dura prova l’ambizione del governo austriaco di produrre solo elettricità rinnovabile nel 2030.

Finanziare la trasformazione

Gli impianti di produzione di idrogeno verde, che scinderanno l’acqua in ossigeno e molecole di idrogeno utilizzando elettricità rinnovabile, riceveranno 40 milioni di euro l’anno di finanziamenti statali.

Visto l’obiettivo generale austriaco di raggiungere la neutralità climatica nel 2040, il governo vuole che l’80% dell’idrogeno utilizzato nel 2030 sia “neutro per il clima”.

“Vogliamo sostituire l’80% del consumo di idrogeno generato dai combustibili fossili nell’industria con idrogeno a impatto climatico zero entro il 2030”, ha osservato Martin Kocher, ministro dell’Economia.

Questo piano gode del sostegno dell’industria, poiché è visto come meno restrittivo di un puro focus sull’idrogeno verde.

“L’approccio tecnologicamente aperto scelto nella strategia con l’idrogeno ‘neutro dal punto di vista climatico’ è accolto molto favorevolmente”, ha affermato Georg Knill, capo della Federazione dell’industria austriaca (IV).

Tuttavia, sono state rapidamente avanzate richieste di ulteriore sostegno finanziario.

Citando l’impegno del governo olandese di 5 miliardi di euro fino al 2030, Harald Mahrer, presidente della Camera di commercio austriaca (WKÖ), ha dichiarato: “L’Austria deve prendere spunto dai pionieri dell’idrogeno, Paesi Bassi e Germania, in modo da non perdere la competizione”.

In ritardo alla festa

Le associazioni di settore hanno anche criticato la strategia austriaca sull’idrogeno per essere arrivata troppo tardi.

“La Commissione europea e anche la maggior parte dei paesi dell’UE hanno adottato strategie per l’idrogeno da molto tempo. L’Austria ha finalmente seguito l’esempio”, ha commentato Mahrer. Knill di IV ha parlato di un piano “a lungo desiderato”.

La Commissione aveva pubblicato la sua strategia per l’idrogeno nel 2020, e ha recentemente aggiornato i suoi obiettivi nell’ambito del suo piano REPowerEU a maggio. Il governo tedesco ha adottato la sua strategia sull’idrogeno nel 2020, così come il governo olandese.